pulizia vetrate

Pulire le grandi vetrate interne ed esterne può risultare davvero difficile se non si hanno a disposizione i mezzi giusti.

Gli edifici con grandi superfici vetrate hanno un loro fascino: rendono luminosi gli ambienti, facendoli sembrare più grandi di quello che non siano e contribuiscono a dare un tocco di modernità.

L’altro lato della medaglia però è la loro pulizia, che non sempre risulta facile e sbrigativa.

Basta rendersi conto di quanto sia difficile pulire i vetri delle nostre case senza lasciare aloni, polveri, e soprattutto salvaguardando la loro lucentezza nel tempo.

I vetri sono particolari, se vengono puliti una volta nel modo sbagliato il rischio è di rovinarli per sempre.

Ecco perché è bene usare i giusti tessuti, prodotti non invasivi e soprattutto pulire con movimenti corretti.  

Questo vale ancora di più per le grandi vetrate esterne, perennemente esposte al sole, allo smog e alle intemperie.

Tutti fattori che a lungo andare contribuiscono a rovinare le vetrate in modo permanente. Per rimediare a questo deterioramento esiste una soluzione: ovvero una buona pulizia. 

Noi di Bibo siamo convinti che da sempre che una buona manutenzione possa allungare la vita di molti degli strumenti e degli oggetti che utilizziamo ogni giorno, per lavoro o nelle nostre case.

Ecco perché ci teniamo a svolgere una pulizia che sia davvero profonda e duratura, preservando la forma e la lucentezza delle vetrate dei nostri clienti.

Ma quali sono, con precisione i fattori, che più di altri rovinano le vetrate?

Vediamolo subito.

Perché le vetrate si rovinano?

I motivi per i quali le vetrate si rovinano con l’andare del tempo possono essere tre:

Infiltrazioni

La semplice acqua piovana è il primo fattore che contribuisce a rovinare le grandi vetrate.

Infatti, l’acqua di per sé contiene calcare, un agente corrosivo, che a lungo andare corrode le vetrate, rendendole opache.

In più, l’acqua piovana può legarsi alle particelle di smog, soprattutto nei periodi dell’anno in cui c’è maggiore siccità, diventando più acida.

L’acqua, mischiata allo smog danneggia le guarnizioni e i siliconi utilizzati per tenere unite le superfici, provocando inopportune infiltrazioni.

Noi di Bibo, puliamo i vetri con acqua osmotizzata, perché a differenza della semplice acqua evita la formazione di calcare.

Pulizia errata

Anche la tecnica usata per pulire può fare la sua parte, quando si tratta di dover mantenere in buono stato le vetrate.

Per pulire bene le vetrate esterne, ad esempio, è necessario lavarla e asciugarla nel minor tempo possibile, perché aspettare troppo dà origine ad aloni e striature.

Uso di prodotti aggressivi

Lo sapevi che per pulire i vetri non bisognerebbe usare acqua?

Usare di continuo acqua per pulire i vetri contribuisce alla formazione di uno strato di silice sulle loro superficie, che proprio come il calcare, li rende opachi.

Quando succede questo il vetro è ormai spacciato, non è possibile in alcun modo salvarlo, l’unica soluzione è cambiarlo.

Rivolgiti a dei professionisti nella pulizia vetrate

Abbiamo visto quali sono i rischi di un’errate pulizia delle vetrate.

Tre ragioni che mostrano l’importanza di pulire le superfici in modo professionale e attento, utilizzando solo acqua osmotizzata e prodotti non aggressivi.

Ma non è solo questo.

Pulire le vetrate alte può essere anche molto pericoloso, motivo per cui è meglio rivolgersi a un’impresa strutturata, con mezzi adatti a svolgere questi lavori, quali gru, piattaforme aeree e funi per la pulizia sospesi.

Anche il personale deve essere specializzato in lavori di questo tipo e tutti i membri che svolgono la pulizia devono essere dotati del patentino di abilitazione ai lavori in quota, per la loro sicurezza.

Noi di Bibo effettuiamo al meglio interventi di pulizia vetrate, per garantire non solo la longevità delle superfici dei nostri clienti, ma anche la sicurezza dei nostri dipendenti, in linea con le normative europee.

Contattaci per un preventivo gratuito e senza impegno, o chiamaci allo 035 79 00 23.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *