Igienizzare la lavatrice

Cattivo odore in lavatrice? Non ti spaventare, è un problema molto comune dovuto principalmente al ristagno di acqua, sporco, calcare e detersivo nella guarnizione dell’oblò. Il rischio che si crei muffa è dietro l’angolo, senza contare che la sporcizia ed il cattivo odore potrebbero finire sui capi appena lavati. No, grazie! Se abbandonati a loro stessi, i residui rischiano di rovinare l’elettrodomestico e di comprometterne l’efficienza. È sempre meglio intervenire, anche per eliminare il proliferare di funghi e batteri potenzialmente dannosi: igienizzare la lavatrice è indispensabile.

IGIENIZZARE LA LAVATRICE: GLI STEP PRINCIPALI

Ecco le principali operazioni necessarie per pulire e igienizzare a fondo la lavatrice:

  • Togliere il filtro, svuotarlo e pulirlo con cura (si trova in un piccolo cassetto ai piedi della lavatrice!).
  • Pulire la vaschetta del detersivo.
  • Pulire e disinfettare la guarnizione dell’oblò.
  • Pulire l’oblò.
  • Pulire a fondo il cestello.

QUALI PRODOTTI UTILIZZARE PER PULIRE A FONDO LA LAVATRICE?

In commercio esistono vari prodotti specifici per la cura della lavatrice, dagli sgrassanti agli anticalcare. Ovviamente si tratta di prodotti mirati che vi possono tornare utili nei casi difficili, ma per tutte le altre situazioni è sufficiente intervenire con prodotti semplici e facilmente reperibili in casa.

Per i residui annidati nel filtro e le incrostazioni nella vaschetta del detersivo, puoi aiutarti strofinando la superficie con uno spazzolino a setole dure. Per pulire e disinfettare guarnizione utilizza dell’aceto o dell’alcool. In generale, tutte le parti rimovibili difficili da pulire possono essere lasciate a bagno in acqua calda, aceto e bicarbonato.

Per eliminare il cattivo odore e disincrostare l’interno della lavatrice fai un lavaggio a vuoto ad alta temperatura con aceto bianco o aceto di mele (una parte nella vaschetta del detersivo e una parte direttamente nel cestello). Per una disincrostazione più profonda aggiungi anche qualche cucchiaio di bicarbonato. Molti suggeriscono di utilizzare la candeggina come alternativa, ma ricordiamo che in quel caso è bene ripetere vari lavaggi a vuoto per eliminare ogni residuo di prodotto: il rischio è quello di rovinare il bucato.

Per la pulizia dell’oblò: acqua calda, aceto e limone sono una valida alternativa ai detergenti spray.

QUANDO INTERVENIRE?

Periodicamente! Ogni un paio di mesi sarebbe bene eseguire il lavaggio a vuoto di cui sopra, dosando l’aceto con cautela per evitare che il suo potere sgrassante rovini parti interne alla lavatrice. L’aceto di mele è meno aggressivo. Ovviamente le parti della lavatrice vanno anche pulite al bisogno e dopo il lavaggio di capi particolarmente sporchi, come vecchie tende o tappeti molto polverosi.

PREVENZIONE

Oltre alla pulizia periodica esistono alcuni semplici accorgimenti con cui puoi prevenire la formazione di sporcizia e residui nella lavatrice. Utilizza detersivi liquidi, perché alcune lavatrici non sono in grado di sciogliere completamente il detersivo in polvere e quello in capsule. In ogni caso, non esagerare mai con le quantità. Quando la lavatrice non è in funzione lascia lo sportello aperto. Infine, ricordati di pulire spesso i residui d’acqua nella guarnizione dell’oblò.

CERCHI UN’IMPRESA PROFESSIONALE E AFFIDABILE PER LA PULIZIA?

CONTATTACI PER UN PREVENTIVO GRATUITO!

Contattaci per una pulizia professionale! Chiamaci al numero 035 790023.

📩 Scrivici una e-mail cliccando qui.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *