Produzione alimentare

Come funziona la pulizia quando si lavora in spazi adibiti alla produzione alimentare? Come va organizzata? Deve seguire precise norme?  Chi si trova a gestire un’attività di questo tipo dovrebbe conoscere tutte le disposizioni che regolano le operazioni svolte all’interno del suo locale, soprattutto quando si tratta di pulizia.

Quali spazi vengono coinvolti nella produzione alimentare?

Quando si parla di produzione alimentare l’attenzione va a tutti quegli ambienti predisposti per produrre, lavorare, confezionare o immagazzinare sostanze alimentari. Non esiste una dimensione standard, in questa definizione sono compresi spazi di ogni tipo: dalla piccola attività di produzione con annesso punto vendita, fino alla grande industria dotata di complessi macchinari.

Le pulizia deve rispettare delle norme ?

Si, gli stabilimenti impiegati nella produzione alimentare richiedono particolare attenzione all’aspetto igienico: il rischio di contaminazione è sempre in agguato. Esistono dei precisi standard igienico-sanitari a cui fare riferimento per fare in modo che l’attività sia a norma di legge. Rispettare queste norme mantenendo alti livelli di pulizia significa fare un passo avanti per garantire ai consumatori finali la qualità degli alimenti prodotti.

Il settore alimentare viene costantemente monitorato e sottoposto a controlli sanitari. Le autorità coinvolte in questo iter sono molte, dal Ministero della Salute, alle regioni, alle ASL, ai singoli comuni che ospitano le attività. Non è sufficiente sgrassare i fornelli, pulire i pavimenti ed eliminare i residui di sporco dalla cappa aspirante: queste e altre operazioni vanno eseguite seguendo precisi passaggi e utilizzando precisi prodotti e macchinari in grado di rimuovere le cariche batteriche presenti sulle superfici in questione.

Sanificazione e HACCP

La sanificazione è un intervento mirato all’abbattimento degli agenti contaminanti, necessario per la sicurezza alimentare. In cosa consiste? Abbiamo già affrontato questo tema: per saperne di più vi invitiamo a consultare l’articolo che avevamo scritto a riguardo cliccando qui. Nello stesso approfondimento troverete anche una breve spiegazione relativa alla regolamentazione HACCP: una normativa con severe indicazioni che evidenziano i rischi e i punti critici della produzione alimentare per evitare contaminazioni.

Organizzare la pulizia di ambienti utilizzati per la produzione alimentare

Eseguire una pulizia profonda e conforme alle norme previste dalla legge sarebbe impossibile senza l’aiuto di un’impresa professionale.

Occuparsi della pulizia di ambienti come questi significa assumersi grosse responsabilità: le conoscenze e le competenze richieste sono sempre più specifiche. Le migliori imprese di pulizia sono in grado di garantire a tutto lo staff la possibilità di partecipare a frequenti corsi di aggiornamento: le loro competenze tecniche sono sempre al passo con le normative vigenti. Gli strumenti all’avanguardia di cui dispongono sono il supporto ideale per lavorare in ambienti particolari come i laboratori di produzione alimentare.

Impresa Bibo ti può aiutare!

Grazie ai mezzi a nostra disposizione e al personale preparato effettuiamo servizi di pulizia per ambienti di ogni dimensione e in qualsiasi settore, anche quello alimentare. Lavoriamo dal 1977 utilizzando prodotti sicuri ed efficaci. Sfruttiamo moderne tecnologie come il sistema “Tegras” per la bonifica di cappe aspiranti , in questo modo i nostri interventi conformi al Decreto Ministeriale 37 del 2008.

Per garantire un servizio qualitativamente ai vertici di settore, i soci titolari e tutti i nostri dipendenti hanno partecipato e partecipano tuttora ai migliori corsi di specializzazione, garanzia di formazione e aggiornamento.

Contattaci per un preventivo gratuito!

Basta chiamare il numero 035 790023 oppure inviare una email cliccando qui.

Ricordiamo che la nostra pagina Facebook viene costantemente aggiornata.

Corri a seguirci per non perdere nessun consiglio sulla pulizia!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *